Regione Sicilia
    ACCEDI AI SERVIZI
Avere figli

Vaccinazioni Bambini e Adolescenti

Le malattie infettive dell'infanzia si manifestano spesso ciclicamente (con epidemie ogni due, tre anni), poiché nel corso dell'episodio epidemico si infettano la maggior parte dei bambini ed è dunque necessario un certo lasso di tempo affinché si formino nuovi gruppi di bambini suscettibili all'infezione (non protetti, perché privi di anticorpi naturali o non vaccinati). Se la maggior parte dei bambini è vaccinata viene impedita la diffusione dell'epidemia.

Le vaccinazioni non proteggono, quindi, soltanto i soggetti vaccinati ma anche l'intera comunità.

L'Italia recepisce, nel suo programma di vaccinazioni per i bambini, le raccomandazioni e gli obiettivi dell'OMS; il programma nazionale prevede l'esecuzione in forma estensiva di vaccinazioni per prevenire le seguenti malattie: tetano, difterite, poliomielite, pertosse, epatite virale B, morbillo, parotite e rosolia, infezioni da Haemophilus influenzae b.

Le vaccinazioni antidifterica-tetanica (DT), antipolio (IPV), antiepatite B (HB) sono anche obbligatorie per legge nel nostro Paese, mentre quelle nei confronti di morbillo, parotite e rosolia (MPR) e infezioni da Haemophilus influenzae b (Hib) sono raccomandate.

Il Piano Sanitario Nazionale 1998-2000 (D.P.R. 23 luglio 1998, Suppl. Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 10 dicembre 1998), ha stabilito come target operativo per un adeguato controllo di queste malattie una copertura vaccinale pari ad almeno il 95% per le tutte le vaccinazioni sopra elencate, intendendo così rafforzare il concetto di vaccini utili ed efficaci, e pertanto raccomandati per tutti, a prescindere dal diverso status legale delle vaccinazioni.

Inoltre, il Piano Sanitario Nazionale 2003-2005 (DPR 23 maggio 2003, Suppl. Ordinario n°95 della Gazzetta Ufficiale n°139 del 18 giugno 2003), ha ribadito l'opportunità di procedere con decisione nella direzione della attuazione degli obiettivi adottati dall'OMS per questo gruppo di malattie: entro il 2007 il morbillo dovrebbe essere eliminato ed entro il 2010 tale eliminazione deve essere certificata in ogni Paese; entro l'anno 2010 tutti i Paesi dovrebbero avere un'incidenza inferiore ad 1 per 100.000 abitanti per parotite, pertosse e malattie invasive causate da Haemophilus influenzae di tipo B. In relazione al primo obiettivo, il 13 novembre 2003, con l'approvazione di un Accordo tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province Autonome, è stato avviato il "Piano nazionale per l'eliminazione del morbillo e della rosolia congenita" che, attraverso una strategia ben definita e già collaudata in altri Paesi, si propone di giungere all'eliminazione non solo del morbillo ma anche dell'infezione da virus della rosolia in gravidanza e della sindrome/infezione da virus rosolia congenita.

Dopo l'emanazione del PSN 1998-2000, il Piano Nazionale Vaccini 1999-2000 (Suppl. Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 1999) ha dato un forte impulso all'attuazione delle vaccinazioni raccomandate, contribuendo in maniera sostanziale all'incremento delle coperture vaccinali, che nella maggior parte dei casi hanno raggiunto gli ottimi livelli già ottenuti per le vaccinazioni obbligatorie. Infine, è stato recentemente pubblicato il nuovo Piano Nazionale Vaccini 2005-2007 (Suppl. Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 14 aprile 2005) , il quale definisce il nuovo calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate e considera anche nuovi vaccini attualmente autorizzati e disponibili in Italia, quali l'antivaricella, l'antimeningococco tipo C e l'antipneumococco, già segnalati nel Piano Sanitario Nazionale 2003-2005, nella possibilità di impiego per l'offerta prioritariamente ai soggetti appartenenti a categorie a rischio e prevede la possibilità di estendere, da parte delle Regioni, l'offerta di tali vaccini sulla base di valutazioni della realtà epidemiologica locale. I vaccini stimolano l'organismo a produrre attivamente una risposta immunitaria e lo rendono capace di resistere alle infezioni. Con le vaccinazioni vengono evitati nel mondo, ogni anno, non meno di tre milioni di decessi nei bambini di età inferiore a 5 anni, ed almeno 400.000 casi di polio paralitica, malattia di cui è prossima la totale eradicazione in tutto il mondo, al pari di quanto già avvenuto per il vaiolo.L'attuale calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate per l'età evolutiva, il cui ultimo aggiornamento è stato effettuato sulla base del Piano Nazionale Vaccini 2005-2007.

Le vaccinazioni a Caltanissetta vengono effettuate all'Usl 2 di Caltanissetta di Via Cusmano

Siti Istituzionali:
www.regione.sicilia.it/sanita
http://www.ministerosalute.it/
http://www.santelia.it/

Asili Nido Comunali

E' un servizio aperto a tutti che mira a garantire, in un completo sistema di sicurezza sociale, un efficace intervento nel momento educativo del bambino, per lo sviluppo armonico della sua personalità favorendone il processo di socializzazione che coinvolge la famiglia, gli operatori degli asili nido , insieme ad una equilibrata alimentazione.

Gli Asili Nidi Comunali sono i seguenti:

 

Telefono

Asilo Nido Santa Barbara

 

+39 0934 566855

Asilo Nido Via Napoleone Colajanni sito in via Bloy

 

+39 0934 583984

Asilo Nido Via degli Orti

  +39 0934 583984

Asilo Nido Via Due Fontane

  +39 0934 552428
Asilo Nido S. Petronilla   +39 0934 591762

Leggi tutto: Asili Nido Comunali

E' la scelta del Medico Pediatra per il proprio figlio, tra l'elenco dei Medici iscritti nell'ambito territoriale di residenza.

  • Per i bambini da 0 a 6 anni la scelta del pediatra è obbligatoria
  • Per i bambini da 6 a 9 anni la scelta può essere effettuata anche a favore di un medico di medicina generale. A tal fine, è necessaria una richiesta motivata da inoltrare alla USL.
  • Per i bambini da 9 a 14 anni la scelta può essere fatta indifferentemente sia a favore di un Pediatra che di un Medico di Medicina Generale.

Chi può richiederlo:

I residenti di età inferiore ai 14 anni, iscritti negli elenchi dell'aziende sanitaria locale. Per i nuovi nati è sufficiente che uno dei due genitori si rechi presso il distretto di pertinenza ed autocertifichi la nascita del proprio figlio. Casi Particolari L'Azienda Sanitari Locale, può acconsentire alla scelta di un medico iscritto in un elenco diverso dall'ambito territoriale di residenza solo in casi limitati (quando la scelta sia obbligata oppure qualora, per ragioni di vicinanza e di viabilità, la residenza dell'assistito graviti su un ambito limitrofo, o ancora se gravi ed obiettive circostanze ostacolano la normale erogazione dell'assistenza).

I medici pediatri iscritti negli elenchi possono acquisire un numero massimo di scelte pari a 800 unità. Il rapporto tra l'assistito e il medico di medicina generale e il pediatra è fondato sulla fiducia. Nel caso in cui il rapporto fiduciario venga meno il paziente può revocare la scelta per effettuarne una nuova; revoca e nuova scelta hanno effetto immediato. Parallelamente il medico può recusare un assistito, ma motivando la sua scelta. Agli effetti assistenziali, la recusazione decorre dal 16° giorno successivo alla comunicazione del medico.

Quando Richiederlo:

In qualunque momento, dal momento della nascita fino al 14° anno di età Documenti

da presentar:

1) Certificato di Nascita del richiedente;

Validità

Fino al 14° anno di età.

Successivamente dovrà scegliere il Medico di Base.

Revoca del pediatra

I genitori possono in qualunque momento revocare la scelta del pediatra ed effettuarne una nuova presso il distretto, ma anche l'assistito può essere revocato dal proprio pediatra se sussistono gravi motivi, come ad esempio la turbativa del rapporto di fiducia; la revoca decorrerà automaticamente dal 16° giorno dalla comunicazione del medico all'Azienda Sanitaria.

Visite ambulatoriali

  • Il pediatra è tenuto a svolgere la sua attività all'interno dei seguenti orari: dalle 8.00 alle 20.00 dei giorni feriali dalle 8.00 alle 10.00 del sabato dalle 8.00 alle 14.00 del giorno prefestivo.
  • Negli altri orari il pediatra è sostituito a tutti gli effetti dal medico di Guardia Medica, per visite, prescrizione di farmaci per terapie urgenti, prescrizione di accertamenti, richieste di ricovero.
  • Lo studio del pediatra deve essere aperto secondo un orario che tenga conto del numero di assistiti e che deve essere esposto all'ingresso, e comunque per 5 giorni la settimana.
  • Salvo casi d'urgenza, l'attività ambulatoriale viene svolta attraverso un sistema di prenotazione.

Tempi svolgimento

Pratica Rilascio Immediato.

Costo

Gratuito

Dove richiederlo

Azienda U.s.l. N. 2 - Caltanissetta (CL) - Via Cusmano Giacomo, 2  Tel. 0934 506111

Contatti

Corso Umberto I, 134
93100 Caltanissetta
+39 0934 74-111
CF. 80001130857
P.IVA 00138480850
ufficio.protocollo@comune.caltanissetta.it
protocollo@pec.comune.caltanissetta.it

Siti Tematici

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito web è stato realizzato dalla società Skerma www.skerma.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi altre informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione